Attestato di Prestazione Energetica (APE)

ape.pngL'Attestato di Prestazione Energetica (APE) rappresenta l’etichetta energetica di un immobile.

In Italia l’APE è stato introdotto con il D.Lgs 63/2013 in sostituzione dell’Attestato di Certificazione Energetica (ACE) in vigore dal 2005 (D.Lgs. n.192/2005).

Dal 1 ottobre 2015 sono entrati in vigore i nuovi Decreti 26 giugno 2015, che definiscono i Requisiti Minimi, le Linee Guida per la Certificazione Energetica e i nuovi schemi di Relazione Tecnica (Gazzetta Ufficiale n. 162 del 15 luglio 2015).

I nuovi decreti hanno introdotto importanti novità nel campo della certificazione energetica sia per quanto riguarda la metodologia di calcolo, sia per quanto riguarda le prescrizioni in materia di prestazioni energetiche, che prevedono oggi il rispetto di requisiti più stringenti e diretti alla realizzazione di Edifici ad Energia Quasi Zero (NZEB), come richiesto dalla Direttiva comunitaria 2010/31/UE.

L’APE rappresenta la valutazione della prestazione energetica di un immobile, che viene espressa tramite un indice di prestazione globale che viene messo a confronto non più con valori tabellati, ma partendo da un edificio di riferimento.

La prestazione energetica degli edifici è determinata sulla base della quantità di energia necessaria annualmente a soddisfare le esigenze legate a un uso standard dell’edificio, tenendo conto dell'energia primaria utilizzata per il riscaldamento, il raffrescamento, per la ventilazione, per la produzione di acqua calda sanitaria e, nel settore non residenziale, per l’illuminazione, gli impianti ascensori e scale mobili.

RICORDA: dal 21 febbraio 2014 (L n 9/2014) l'APE è obbligatorio non solo per edifici di nuova costruzione, ristrutturazioni o riqualificazioni, ma anche per vendere o affittare un immobile esistente. Al momento della stipula definitiva del contratto di vendita o locazione, l’Attestato deve essere obbligatoriamente allegato, pena sanzioni (non più nullità del contratto stesso) a carico di entrambe le parti. L’Indice di prestazione dell’involucro, globale e la classe energetica devono inoltre essere indicati anche negli annunci immobiliari.

L’APE può riguardare la certificazione di edifici pubblici e privati di nuova costruzione (compresi edifici sottoposti a demolizione e ricostruzione) o edifici sottoposti a ristrutturazioni e riqualificazioni energetiche.

Gli strumenti di calcolo e i software commerciali per l’applicazione delle metodologie devono essere certificati attraverso una dichiarazione resa dal CTI che predispone uno strumento di riferimento verificarne la rispondenza.

Per quanto riguarda la procedura di calcolo semplificata (motore di calcolo rigoroso ed interfaccia user friendly) prevista dalle Linee Guida, ENEA in collaborazione con l’Istituto per le Tecnologie della Costruzione del CNR ha elaborato e messo a disposizione una nuova versione di DOCET per la certificazione di edifici residenziali esistenti con superficie utile fino a 200 m2 .

Il software nella sua ultima versione v.3.16.06.47 è classificato come “Metodo di calcolo da rilievo sull’edificio”, secondo il livello di approfondimento “Metodo semplificato” (secondo D.M. 26/06/2015, Allegato 1, paragrafo 4.2.2).

Esso prevede la valutazione della prestazione energetica dell’edificio a partire dai dati di ingresso ricavati da indagini svolte direttamente sull’edificio esistente, per analogia costruttiva con altri edifici e sistemi impiantistici coevi, integrata da banche dati o abachi nazionali.

DOCET v.3.16.06.47 è scaricabile attraverso il link al sito dell’ITC: www.docet.itc.cnr.it .

La versione attualmente disponibile è stata progettata e sviluppata conformemente alle normative UNI TS 11300 - parti 1 e 2:2014, UNI TS 11300 parte 3:2010, UNI TS 11300 parte 4:2012 e ha implementato le specifiche tecniche di recente pubblicazione: UNI TS 11300 parte 5: 2016 e la serie UNI 10349: 2016.

E’ disponibile anche il manuale utente.

L’attestato di Prestazione Energetica reso in forma di dichiarazione sostitutiva di atto notorio è composto da 4 pagine.

Nella prima  pagina oltre ai dati generali (destinazione d’uso, riferimenti catastali, motivazioni per cui è redatto l’APE) è indicata la Classe Energetica dell’immobile per mezzo dell’indice di prestazione energetica globale non rinnovabile. Le classi partono da A4 (alta efficienza energetica) a G (bassissima efficienza energetica). Vengono inoltre riportati  la prestazione energetica qualitativa , invernale ed estiva, del fabbricato

 

 

 

Nella seconda pagina viene riportato l’indice di prestazione energetica globale rinnovabile e non rinnovabile e gli indici di prestazione energetica di tutti gli impianti presenti oltre che gli interventi raccomandati e la stima dei risultati conseguibili.

 

 

 

 

 

La terza pagina riassume dati del fabbricato e gli indici di prestazione energetica rinnovabile, non rinnovabile e totale come risultati dal calcolo eseguito, oltre ad elencare specifiche sui diversi servizi energetici presenti

 

 

 

 

 

In quarta pagina troviamo dati relativi al soggetto certificatore, i sopralluoghi obbligatori effettuati ed il software utilizzato.