AssoEGE: rivedere incentivi in contrasto con l'efficienza

 AssoEGE: rivedere incentivi in contrasto con l'efficienza

Sen, AssoEGE: rivedere incentivi in contrasto con l'efficienza

(Staffetta Quotidiana) - Aiutare le organizzazioni a implementare i sistemi di gestione dell'energia (ISO50001) e rivedere gli incentivi che sono in contrasto con la promozione dell'efficienza energetica. queste le principali richieste formulate da AssoEGE, l'associazione italiana degli Esperti in Gestione dell'Energia certificati in base alla norma UNI CEI 11339, in occasione dell'audizione al ministero dello Sviluppo economico sulla Sen, cui hanno partecipato il presidente di AssoEGE Michele Santovito, il consigliere AssoEGE Luca Bertoni e il Segretario Generale del Mise Andrea Napoletano. L'associazione ha chiesto di porre al centro della nuova Sen gli aspetti relativi all'efficienza energetica, come d'altronde già previsto nella Sen del 2013, e le necessità dei consumatori finali, che rappresentano il vero traino per garantire il raggiungimento dei target prefissati. AssoEGE ha inoltre descritto alcuni chiari esempi di mancata uniformità negli interventi di efficienza energetica nella Pubblica Amministrazione, ulteriore ambito in cui sarà fondamentale intervenire nella Sen per promuovere una migliore gestione dell'energia. “L'impressione finale dell'incontro è stata molto positiva e ci auguriamo di poter confermare questa stessa impressione nella Sen che il governo produrrà nelle prossime settimane”, ha spiegato Michele Santovito. “Grazie alla nuova Sen, il governo intende creare un quadro regolatorio stabile che garantisca la certezza del diritto anche per ciò che riguarda gli incentivi, obiettivo che ci vede assolutamente concordi. Come nostra consuetudine, abbiamo garantito la piena disponibilità a collaborare potendo contare sul nostro network che è in grado di fornire non solo la propria competenza di esperti in materia, ma anche e soprattutto l'esperienza di chi opera direttamente sul campo a stretto contatto con i consumatori finali, forti di una professionalità e di un codice deontologico previsto specificamente dalla professione di EGE”.