Dal 1° settembre fuori mercato le lampade alogene meno efficienti

Dal 1° settembre fuori mercato le lampade alogene meno efficienti

Dal 1° settembre fuori mercato le lampade alogene meno efficienti. 
Ingenti risparmi di energia elettrica e di emissioni di CO2

Le lampade alogene consumano troppa energia rispetto alle alternative disponibili sul mercato, come i LED (Light Emitting Diodes). Una lampada alogena, infatti, consuma cinque volte più energia rispetto a quella di un LED ad alta efficienza energetica.

Visto il grande potenziale di risparmio e in linea con le politiche europee di riduzione dei consumi energetici per il 2020, la Commissione Europea, con il contributo degli Stati Membri, delle industrie di settore e delle organizzazioni dei consumatori, ha stabilito con il  Regolamento CE 244/2009, un passaggio graduale ai nuovi requisiti di efficienza energetica per le lampade  utilizzate per l’illuminazione domestica.
Per le lampade direzionali a tensione di rete il processo di efficientamento si è concluso nel 2016, secondo le disposizioni contenute nel Regolamento 1194/2012. Nel caso delle lampade non direzionali a tensione di rete,  il passaggio a lampadine a basso consumo energetico  scatta dal 1° settembre 2018. 

E’ stato calcolato che gli effetti di questo provvedimento, attuato in tutti i Paesi dell’UE, porterà a un risparmio annuale di energia pari al consumo annuale di elettricità del Portogallo e, entro il 2025, a una riduzione di emissioni di CO2 pari a quelle generate da circa due milioni di persone all’anno. 

Cosa cambia dal 1° settembre 2018:

non saranno più disponibili sul mercato lampade alogene a tensione di rete

Saranno invece ancora sul mercato:

  • le lampade alogene a bassissima tensione (direzionali e non), se rispettano i requisiti minimi, ovvero abbiano almeno la classe B di efficienza energetica;
  • le lampade alogene con attacco G9 e R7S (utilizzate per le lampade da tavolo e i proiettori). 

(LC)

Vai ai servizi:

http://www.enea.it/it/Stampa/eneainonda/01-09-2018-rai-2-tg2-13-00-durata-00-01.33

http://www.enea.it/it/Stampa/eneainonda/01-09-2018-rai-1-tg1-20-00-durata-00-01.47