Efficientare la P.A. (ma non solo), focus sul conto termico 2.0

Efficientare la P.A. (ma non solo), focus sul conto termico 2.0

(Quotidiano Energia) - Le novità dello strumento in vigore dal 31 maggio - Affinché uno strumento possa trasformarsi in un supporto concreto al fine di agevolare l'incremento dell'efficienza energetica - ed i conseguenti risparmi - in un settore che rappresenta una quota importante dei consumi energetici nazionali come la Pubblica Amministrazione, è essenziale che l'iniziativa sia accompagnata da un'ottima campagna di comunicazione. Ed è proprio sulla scorta del vecchio meccanismo e dei suoi difetti che oggi, a completamento del quadro normativo degli incentivi dedicati all'efficienza energetica ed alle rinnovabili termiche, troviamo il Conto Termico 2.0, in vigore dal 31 maggio come da DM del 16 febbraio 2016. Molte le novità, legate da un duplice denominatore comune: rapidità e semplicità. Disponibili 900 milioni di euro, destinati per circa il 78% ai privati ed il restante 22% alla Pubblica Amministrazione, protagonista della prima novità: la categoria infatti si arricchisce con l'inclusione delle cooperative sociali e delle società di patrimonio pubblico tra i profili che potranno richiedere l'incentivo. Agevolare tutto il comparto della PA, dove la vera sfida è quella di indurre l'avvio di un processo di ricerca e sviluppo affinché le strutture si dotino delle competenze tecniche necessarie per implementare la progettazione di interventi di efficientemente essenziali, è fondamentale: il patrimonio edilizio residenziale nazionale - per la maggior parte dei casi - risale ad oltre quarant'anni fa e, in quanto tale, particolarmente energivoro. Per avviare piani di ristrutturazione e di riqualificazione della PA è importante che i beneficiari dell'incentivo siano messi nelle condizioni di poter accedervi facilmente. In risposta a quest'esigenza, il nuovo Conto Termico prevede una procedura di prenotazione dell'incentivo semplificata ed una più rapida erogazione dello stesso dalla conclusione della procedura (90 giorni anziché i vecchi 180). In più, per rendere ancora più appetibile l'investimento per i soggetti che ne beneficeranno, la corresponsione dell'incentivo, per importi non superiori a 5.000 euro, verrà effettuata in un'unica rata. Ad uso esclusivo delle PA, inoltre, sono stati introdotte nuove tipologie di intervento agevolabili, accompagnate dall'incremento della copertura dell'investimento: gli edifici nZEB (Nearly Zero Energy Building o  Edifici a Energia Quasi Zero) rientreranno ai fini dell'accesso all'incentivo per il 65% del costo complessivo e la spesa legata alla diagnosi energetica sarà invece incentivabile al 100% (il 50% riservata ai privati). Stesse condizioni per gli interventi volti alla sostituzione dei sistemi per l'illuminazione attraverso l'utilizzo di dispositivi efficienti per gli edifici della pubblica amministrazione. Infine, si aggiungono tra le novità dedicate rientranti nel Conto Termico, i sistemi di termoregolazione contabilizzazione del calore e le tecnologia adottate nel settore della building automation. Interessante segnalare l'innalzamento dell'incentivo posto al 50% per gli interventi di isolamento termico all'interno delle zone climatiche della fascia E ed F (classificazione come da DPR n. 412/1993) che passa al 55% se accompagnato dall'installazione di un impianto di climatizzazione invernale. Si mantengono invariati gli altri interventi oggetto di incentivo sia per la PA che per i privati già inclusi nel Conto Termico 2012. Altro cambiamento riguarda la produzione di energia termica da rinnovabili: rivisti i valori del coefficiente di valorizzazione, per le pompe di calore è stato riconosciuto l'incremento della soglia di ammissibilità degli impianti che passano dagli attuali 1000 kW a 2000 kW. Degno di nota, tra le novità, la predisposizione a cura del Gse del "Catalogo degli apparecchi domestici", dotati dei requisiti tecnici necessari per accedere agli incentivi previsti dal DM Conto Termico 2016.