Efficienza, nuovi bandi per Emilia-Romagna e Valle d’Aosta

Efficienza, nuovi bandi per Emilia-Romagna e Valle d’Aosta

(Quotidiano Energia) - Il sostegno agli investimenti nelle Pmi e nell’edilizia residenziale. Provincia di Trento: delibere su detrazioni fiscali e adesione al progetto Prepair. Milano, avviso per lavori in immobili privati e pubblici - L'Emilia Romagna ha deciso di dare seguito a quanto previsto dal recente Piano energetico regionale (QE 3/3), approvando un bando da 2,28 mln di euro per gli interventi di efficienza nelle piccole e medie imprese. In particolare, l'avviso (disponibile in allegato sul sito di QE) sostiene le diagnosi energetiche e l'adozione di sistemi di gestione dell'energia conformi alle norme Iso 50001, con contributi "a sportello" del 50% sulle spese ammissibili. Le domande potranno essere presentate dalle ore 10 del 10 aprile 2017 fino alle ore 17 del 30 giugno 2017 attraverso l'applicativo web Pride (Programma regionale diagnosi energetiche). Nuovi contributi all'efficienza energetica anche in Valle d'Aosta, dove la Giunta regionale ha approvato venerdì un avviso pubblico per la concessione di mutui nell'edilizia residenziale, con un importo di 1 mln di euro. Il provvedimento utilizzerà anche le disponibilità residue derivanti da un primo bando di settore pubblicato ad aprile dello scorso anno (QE 19/4/16). Nel dettaglio, gli interventi ammissibili riguardano l'involucro edilizio, gli impianti di climatizzazione invernale ed estiva, la ventilazione e la produzione di acqua calda sanitaria, la sostituzione di impianti termici alimentati con combustibili fossili. I mutui potranno coprire fino al 100% della spesa ammissibile, per un massimo di 400 mila euro. Il tasso di interesse annuo applicato sarà fisso e pari all'1%. Le domande potranno essere presentate agli uffici dell'assessorato alle Attività produttive dal 12 aprile al 15 dicembre. Passando a livello più territoriale, la Provincia autonoma di Trento ha confermato per il 2017 l'iniziativa contributiva (attivata per la prima volta nel 2016 in attuazione della legge provinciale 1/2014, QE 12/2), con la quale l'Ente assume a proprio carico gli oneri degli interessi derivanti dall'anticipazione delle detrazioni d'imposta statali su recupero edilizio e riqualificazione energetica(le slide descrittive in allegato su QE). Lo scorso anno sono state ammesse a contributo 1.800 domande, per un mercato potenziale di 164 mln di euro, si legge in una nota della Provincia. Fra le novità 2017, invece, l'estensione dell'agevolazione a unità immobiliari classificate nella categoria catastale C/2 e C/6. Le domande di contributo possono essere presentate dal 18 aprile al 30 novembre. La Giunta provinciale di Trento, inoltre, con delibera approvata venerdì ha deciso di aderire al progetto Ue Prepair (Po Regions Engaged to Policies of Air), che sostiene iniziative per la lotta allo smog nel Bacino padano con un fondo da 17 mln di euro, al quale l'Ente contribuirà con 950.000 euro (capofila dell'iniziativa è la Regione Emilia Romagna, QE 6/3). La struttura di riferimento sarà l'Agenzia provinciale per la protezione dell'ambiente, in stretta collaborazione con l'Agenzia provinciale per le risorse idriche e l'energia. Infine, anche il Comune di Milano ha deciso di sostenere il settore dell'efficienza energetica, pubblicando un bando da 1 mln di euro per il biennio 2017/2018 a favore degli interventi nell'edilizia residenziale privata ma anche per scuole, ospedali, strutture di accoglienza o sportive e associazioni. Le opere ammesse riguardano la sostituzione di impianti di riscaldamento a gasolio con caldaie a metano o altri sistemi meno inquinanti, l'installazione di pannelli fotovoltaici o termici e di isolamenti. Il contributo è a fondo perduto fino al 50% delle spese sostenute, per un massimo variabile tra i 40 e 70 mila euro a seconda della tipologia di intervento realizzato.