Italia Solare: “Egitto? Il vero giacimento è sopra le nostre teste…”

Italia Solare: “Egitto? Il vero giacimento è sopra le nostre teste…”

(Quotidiano Energia) - L’associazione: “Possibili altri 100 GW FV in Italia, capaci di produrre la stessa energia del giacimento Eni, a prezzi competitivi, senza inquinare e per sempre” - "Straordinaria scoperta di Italia Solare: è il sole". L'associazione rinnovabile sceglie l'ironia per riportare l'attenzione sul settore "verde" dopo l'enfasi mediatica data alla scoperta del maxi giacimento gas in Egitto operata dall'Eni. Scoperta che sembra effettivamente poter rilanciare il ruolo della fonte fossile, anche a possibile discapito delle Fer. In un comunicato, Italia Solare sottolinea come "coprendo di moduli fotovoltaici tutti i tetti disponibili delle case mono e bifamiliari e dei capannoni si installerebbero circa 100 ulteriori GWp, in grado di produrre ogni anno circa 130 TWh, pari al 42% del fabbisogno elettrico italiano". Tali impianti, prosegue l'associazione, "in circa 30 anni sono in grado di produrre la stessa energia producibile sfruttando il giacimento di gas recentemente scoperto dall'Eni in Egitto, tanto osannato in questi giorni, ma senza alcun inquinamento. E quando il giacimento in Egitto sarà esaurito, i 100 GWp di impianti fotovoltaici continueranno a funzionare per altri decenni, visto che il sole continua a splendere e il degrado dei moduli fotovoltaici è limitato allo 0,2-0,5 %/anno". Il tutto considerando che "grazie all'abbassamento dei prezzi degli ultimi anni gli impianti fotovoltaici sono convenienti anche senza incentivi". Occorre inoltre ricordare, prosegue la nota, che si tratta di "energia disponibile senza passare da altri Paesi e senza accordi con alcuno e quindi royalties da pagare. Ma soprattutto è una fonte pulita che non causa l'effetto serra e localmente non inquina, a differenza di tutte le fonti fossili, gas incluso (che ultimamente si fa passare per una fonte pulita…)". Insomma, per Italia Solare "è evidente quanto prezioso sia il giacimento di energia che abbiamo sopra le nostre teste": 18 GW già installati più nuovi 100 GW "porterebbero la quota da fotovoltaico sulla domanda nazionale elettrica a superare il 50%! E' un obiettivo a cui si può e a cui si deve puntare".