La Commissione chiede un'Europa a impatto climatico zero entro il 2050

La Commissione chiede un'Europa a impatto climatico zero entro il 2050

Il 28 novembre la Commissione Europea ha adottato una visione strategica a lungo termine “per un’economia prospera, moderna, competitiva e a impatto climatico zero entro il 2050: un pianeta pulito per tutti ”. La strategia mette in evidenza come l'Europa possa tracciare la via per conseguire un impatto climatico zero, investendo in soluzioni tecnologiche realistiche, coinvolgendo i cittadini e coordinando le azioni in settori chiave quali la politica industriale, la finanza o la ricerca, garantendo al tempo stesso l’equità sociale per una giusta transizione.

Si tratta di una strategia climatica a lungo termine che non vuole fissare obiettivi ma creare una visione e indicare e pianificare la strada da percorrere, ispirando e consentendo alle parti interessate, ricercatori, imprenditori e cittadini di sviluppare industrie nuove e innovative, imprese e lavori associati.

Sette le aree strategiche individuate dalla CommissioneEuropea che attraverso  un’azione congiunta dovrebbero contribuire a rendere questa visione una realtà: efficienza energetica;  sviluppo delle fonti rinnovabili; mobilità pulita, sicura e connessa; competitività industriale ed economia circolare; infrastrutture e interconnessioni; bioeconomia e pozzi naturali  di assorbimento   del carbonio; cattura e stoccaggio del carbonio per ridurre le emissioni residue.

Le prossime tappe prevedono che per preparare i capi di Stato e di governo dell'UE a delineare il futuro d'Europa al Consiglio europeo del 9 maggio 2019 a Sibiu (Romania), i diversi ministri del Consiglio dovrebbero avviare dibattiti politici di largo respiro sul contributo dei rispettivi settori alla visione globale. Anche i Piani Nazionali per il clima e l'energia che gli Stati membri  presenteranno alla Commissione europea entro la fine del 2018, fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi climatici ed energetici del 2030, dovrebbero essere lungimiranti e prendere in  considerazione la strategia a lungo termine dell’UE.

Inoltre, un numero crescente di regioni, comuni e associazioni imprenditoriali sta elaborando una propria visione per il 2050 che arricchirà il dibattito e contribuirà a definire la risposta dell'Europa alla sfida globale rappresentata dai cambiamenti climatici.

News "The Commission calls for a climate neutral Europe by 2050"