La nuova scadenza per le grandi imprese che hanno l'obbligo della diagnosi energetica: il 15 gennaio a Roma il convegno ENEA

pubblicato il 16 gennaio 2019
La nuova scadenza per le grandi imprese che hanno l'obbligo della diagnosi energetica: il 15 gennaio a Roma il convegno ENEA

Pubblico numeroso e attento presso la sede ENEA di Roma al convegno  “5 dicembre 2019: la nuova scadenza per le grandi imprese che hanno l'obbligo della diagnosi energetica” organizzato dal Dipartimento Efficienza Energetica e dedicato ad illustrare le attività e gli strumenti a disposizione delle grandi  imprese  obbligate dall’articolo 8 del Decreto Legislativo 102/14 ad ottemperare alla seconda tornata di diagnosi entro il prossimo 5 dicembre.   

Il convegno (v. Programma) è venuto ad inserirsi  in un percorso che ha visto l’ENEA – fin dal primo obbligo di diagnosi di dicembre 2015- confrontarsi e offrire supporto  tecnico e metodologico al mondo dell’industria attraverso dibattiti, convegni,  tavoli  tecnici con imprese e con  associazioni di imprese.   

Dopo i saluti di Ilaria Bertini e Domenico Santino, Marcello Salvio ha introdotto e moderato  gli interventi degli esperti del Dipartimento Efficienza Energetica, che hanno trattato i diversi aspetti   legati alla questione della redazione della diagnosi energetica e della implementazione del piano di  monitoraggio dei consumi energetici da parte delle grandi imprese e di quelle con forti consumi di energia. Dalle Linee Guida ENEA sul monitoraggio dei consumi energetici nel settore industriale,  a quelle di alcuni comparti del  settore terziario; dalla definizione degli indici di prestazione energetica (IPE) dei  diversi settori al  prossimo aggiornamento del Portale Audit 102, dedicato alla trasmissione delle diagnosi energetiche secondo quanto previsto dall'articolo 8 del Decreto Legislativo 102/2014, finoalla valutazione da parte di ENEA della completezza delle diagnosi energetiche inviate: sono questi alcuni degli argomenti affrontati dagli esperti ENEA nelle presentazioni.

A conclusione  del convegno un ampio  spazio è stato riservato alle domande  e ai quesiti da parte del pubblico.

PRESENTAZIONI