Progetto INTAS - INdustrial and tertiary product Testing and Application of Standards

Il 1 marzo, finanziato dal programma di ricerca ed innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea,  è partito il progetto europeo INTAS  - INdustrial and tertiary product Testing and Application of Standards per ottimizzare l’applicazione della Direttiva Ecodesign 2009/125/CE, che stabilisce attraverso Regolamenti applicativi le specifiche di progettazione ecocompatibile per i prodotti che consumano energia.

Obiettivo del progetto, di cui l’ENEA è responsabile per l’Italia, è definire la fattibilità tecnica e proporre alla Commissione Europea e alle Autorità nazionali di sorveglianza del mercato degli Stati Membri un comune approccio alla verifica della conformità per i grandi prodotti, nel dettaglio trasformatori e ventilatori industriali.

Il progetto nasce infatti dall’esigenza di superare le difficoltà incontrate dalle Autorità di vigilanza del mercato e dagli operatori economici nello stabilire prima e nel verificare poi la conformità ai requisiti di ecoprogettazione per alcuni prodotti industriali soggetti ai vincoli della Direttiva Ecodesign. Le dimensioni di questi prodotti e la necessità di  adattarli alle esigenze dei clienti  rende particolarmente complesse le prove di laboratorio da effettuare e richiede laboratori specificamente attrezzati per queste prove.

Le verifiche della conformità ai requisiti comunitari sono necessarie - e obbligatorie per gli Stati Membri - poiché  assicurano che i requisiti di ecodesign siano effettivamente rispettati dai singoli modelli di prodotto, garantendo quindi il minore impatto ambientale nell’intero ciclo di vita e la corretta competizione fra gli attori del mercato.

INTAS intende quindi assistere le Autorità nazionali di vigilanza degli Stati membri europei (in Italia la funzione è svolta dal Ministero dello Sviluppo Economico) nella verifica della conformità dei trasformatori e grandi ventilatori industriali, offrendo loro assistenza tecnica e una metodologia efficace per effettuare le attività previste. Nello stesso tempo il progetto intende assistere anche gli operatori industriali facilitando la certificazione della conformità di questi prodotti secondo modalità condivise dalle Autorità nazionali. 

Al progetto  INTAS,  la cui durata è prevista in  tre anni, partecipano 16 organizzazioni, tra le   quali 11 autorità nazionali di sorveglianza del mercato, appartenenti a 10 Stati europei:  Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Italia. 

Per l’ENEA coordina il progetto Milena Presutto dell’Unità Tecnica Efficienza Energetica.

Elenco dei partner del progetto INTAS

#

Partners

Short name

Role

Country / region

1

WIP Renewable Energies

WIP

Coordinator

Europe

2

European Environmental Citizens’ Organisation for Standardisation

ECOS

Technical expert

Europe

3

European Copper Institute

ECI

Technical expert

Europe

4

Engineering Consulting and Design

ECD

Technical expert

Europe

5

Waide Strategic Efficiency

WSE

Technical expert

Europe

6

Austrian Energy Agency

AEA

National representative

Austria

7

Federal Public Service Health, Foodchain, Safety and Environment

BHTC

National representative

Belgium

8

SEVEn Energy Efficiency Center

SEVEn

National representative

Czech Republik

9

Danish Technological Institute

DTI

National representative

Denmark

10

Finnish Safety and Chemicals Agency

TUKES

National representative

Finland

11

The Polish Foundation for Energy

FEWE

National representative

Poland

12

Directorate General of Energy and Geology

DGEG

National representative

Portugal

13

Romanian Regulatory Authority for Energy

ANRE

National representative

Romania

14

Foundation for the Promotion of Industrial Innovation

FFII - LCOE

National representative

Spain

15

Italian National Agency for New Technologies, Energy and Sustainable Economic Development

ENEA

National representative

Italy

16

Economic and Food Safety Authority 

ASAE

National representative

Portugal